Accedi al sito
Serve aiuto?

Progetti » Edilizia Privata » Casa privata in Bioedilizia fam. Podetti

Casa privata in Bioedilizia fam. Podetti
L’intervento riguarda il risanamento ed ampliamento di una casa di civile abitazione e commerciale con tecniche bioedilizia e basso consumo energetico, situata nella frazione di Piano nel Comune di Commezzadura. Presenta comodo accesso dalla strada comunale ed è chiaramente dotato di tutte le infrastrutture primarie. L’immobile, ristrutturato nei primi anni ’80 - in precedenza era un rustico adibito a stalla con fienile - era così composto:
- a piano terra: garage indipendente, due ripostigli, locale caldaia;
- a primo piano: zona giorno, bagno, stanza, guardaroba e poggiolo;
- a secondo piano: disbrigo, due stanze, bagno, ripostiglio e poggiolo;
- a terzo piano: soffitta e tetto.
Presenta duplice accesso con vano scala centrale da piano terra a terzo piano.
 
Descrizione intervento |
L’intervento in oggetto va diviso in due fasi: la prima riguarda la realizzazione di una nuova porzione di edificio che sarà destinata ad uso produttivo. Nella fattispecie a piano terra dell’edificio e previsto l’ampliamento laterale verso est che a lavori finiti ospiterà una zona per l’espletamento dell’attività produttiva, ingresso, ufficio, disbrigo, w.c. e archivio. L’accesso principale sarà verso il piazzale antistante, sono previste delle vetrate verso sud ed est e un ulteriore porta-finestra verso il giardino a sud.
La seconda riguarda l’ampliamento ad uso abitazione previsto a primo piano. Tale ampliamento, inferiore al 20% previsto dalle norme, permetterà di creare una zona giorno composta da cucina, soggiorno e ripostiglio. Sono previste l’introduzione di finestre su tutti i lati e di poggiolo su prospetto est. Nella parte di immobile già adibita ad abitazione, a primo piano, sono previsti dei lavori che permetteranno di ricavare tre stanze, due bagni e un disbrigo, ricavando così un appartamento uniforme e consone alle esigenze famigliari. L’accesso all’appartamento è previsto tramite scala esterna, che parte dal piazzale antistante e arriva al poggiolo, adeguatamente collegato con l’esistente
L’intervento sui prospetti all’edificio esistente prevede: a sud la ricollocazione dell’abbaino, allineato per altro con la finestra sottostante, il rifacimento del pacchetto isolante per uno spessore complessivo di cm. 30, mantenendo inalterata la travatura portante e l’installazione di n°5 pannelli solari a filo falda. A est due porte-finestre in sostituzione della porta-finestra sul poggiolo a primo piano e una finestra nel ripostiglio a secondo piano mentre a nord è prevista la chiusura della finestra a primo piano che manterrà le ante d’oscuro esterne per non alterare la linearità della facciata.
Particolare attenzione e cura sono state poste nelle scelte progettuali riguardanti il nuovo corpo di fabbrica, nelle dimensioni e conformazione strutturale. Nelle scelte tipologiche e nel uso dei materiali si è cercato di mantenere inalterato la struttura esistente permettendo, anche dopo l’intervento, una lettura delle scelte urbanistiche che hanno riguardato l’edificio. Nell’intervento si è progettato ed operato nel rispetto dell’ambiente utilizzando tecniche e materiali bio-edili, a basso consumo energetico ed, un domani, completamente riciclabili. In particolare si è operato con attenzione ai seguenti aspetti:
- recupero di tutti i materiali possibili dalla demolizione (strutture in legno, porte interne, elementi radianti ecc.);
- intervento di fondazione con intercapedine anti gas radon;
- uso di laterizio bio per murature primo piano e strutture portanti;
- solaio in legno con elementi in argilla e massetti bio;
- murature a primo piano interamente in legno con isolazione in pannelli di legno cm. 12;
- tetto in legno di larice con isolazione in pannelli di legno cm. 12;
- utilizzo di trattamenti e finiture con prodotti naturali;
- pavimenti in legno nelle stanze con sottofondo in cocci e pannelli di legno e pavimenti in cotto nella zona giorno serviti con massetti bio;
- installazione pannelli solari per acqua sanitaria
- installazione impianto fotovoltaico e recupero acqua piovana ad uso orto e giardino;
- ricavo zona per raccolta differenziata e angolo compostaggio domestico in giardino.
La struttura sarà costituita da fondazioni continue in cemento armato, pilastro in legno, murature in blocchi portanti tipo “poroton”, solaio in legno, tetto con travatura in legno e copertura del tipo tetto freddo e manto di copertura in lamiera in acciaio zincata.
Anche le finiture saranno quelle in uso nella bioedilizia: esternamente si evidenziano le parti rivestite in sassi locali a piano terra, i parapetti del poggiolo e della scale saranno legno d’abete posato alla trentina e il rivestimento esterno in assi di legno irregolari con struttura portante in larice.
Proprio per le argomentazioni esposte, oltre che per l’armonia delle scelte adottate, l’intervento si ritiene adatto anche sotto il profilo paesaggistico.
 
 

prima dei lavori | vista est
lavori | angolo soggiorno-stube
lavori | coibentazione interna pareti in legno
lavori | dettaglio pareti in legno
lavori | vista d'insieme
lavori | vista strutture sud-est
lavori | riscaldamento radiante a parete
lavori | solaio in legno
lavori | stratigrafia tetto
lavori | unione parte nuova e vecchia in legno
dopo i lavori | accesso all'abitazione e allo studio
dopo i lavori | vista materiali utilizzati per le finiture: pietra e legno
dopo i lavori | vista parte nuova e vecchia