Accedi al sito
Serve aiuto?

Progetti » Edilizia Privata » Casa privata fam. Dallatorre/Andreis

Casa privata fam. Dallatorre/Andreis
L'edificio interessato a progetto per il risanamento conservativo, è situato nel centro storico di Daolasa limitrofo alla strada comunale principale, dispone di ampi spazi privati limitrofi, anditi,
 
Descrizione stato attuale | 
L’immobile, composto da tre porzioni materiali, nella sua composizione complessiva presenta pianta regolare con copertura a tre falde e presenta locali di deposito e legnaia nella parte a sud. Il fabbricato è costituito da murature in pietra con solai in legno, tetto in legno con manto in lamiera. Le facciate presentano una composizione architettonica regolare per quanto riguarda i fronti nord ed est, diversamente a sud per la presenza dell’ampia scala di accesso e delle superfetazioni, quanto ad ovest per l’articolazione di scala, balconi, poggiolo ed aperture, le facciate presentano una disomogeneità costruttiva. In facciata sono presenti aperture con porte e finestre in legno, scale varie esterne che danno accesso alle diverse unità.
 
Descrizione intervento | 
L’intervento proposto è finalizzato al completo risanamento con riqualificazione energetica e nuova distribuzione interna finalizzata ad unità abitativa per una porzione materiale, ed interventi di risanamento di facciata con rifacimento della copertura per l’altra porzione materiale.
Gli interventi previsti riguardano, proprio per migliorare le condizioni attuali relative ai collegamenti verticali fra i vari piani, la realizzazione di unica scala interna di accesso con ampliamento laterale, verso ovest, al fine di una miglior fruizione dei vari locali e spazi abitabili. Inoltre sono previste una serie di opere strutturali tali da permettere il corretto consolidamento statico. I diversi piani saranno così composti:
- piano terra: ampio ingresso con scala per i piani, locale caldaie ed avvolto;
- primo piano: ampia cucina soggiorno, stanza, bagno e ripostiglio;
- secondo piano: stanza con bagno e scala per la soffitta.
- terzo piano: accessibile dall’appartamento per mezzo di scala “a giorno”, sarà destinato a soffitta.
 Le strutture portanti saranno realizzate con travi, pilastri, cordoli e scale in cemento armato, rinforzo previa pulizia degli avvolti, solai in laterocemento; murature in laterizio con spessore da cm. 30.
Le strutture verticali in pietra verranno consolidate, ove non soggette a demolizioni in breccia, per dare maggiore stabilità all’edificio ma anche per mantenere le linee costruttive del vecchio edificio allo scopo di valorizzare quei caratteri architettonici e costruttivi dell’epoca a cui risale l’immobile.
Si prevede inoltre la rimozione e realizzazione di nuova copertura per tutto l'edificio il quale avrà struttura in legno, pacchetto termoisolante, manto in lamiera.
Le facciate saranno rivestite con isolamento “a cappotto” tinteggiate con colore nel rispetto della finitura di facciata attuale. Gli anditi e spazi pertinenziali saranno oggetto di lavori per la sistemazione della murature perimetrali, il rifacimento delle recinzioni, la pavimentazione della parte carrabile e pedonale a ridosso del fabbricato.
Le opere riguarderanno inoltre la realizzazione di tutti i lavori di finitura interna quali impianti termo idraulico ed elettrico, caldane e massetti, pavimentazioni, intonaci, serramenti interni e tutte le opere di finitura per rendere l’opera agibile. Energeticamente l’immobile sarà riqualificato con miglioramento di almeno due classi energetiche.
Con riferimento al fronti esterni si è intervenuto progettualmente seguendo i seguenti criteri: a nord e a sud non vi sono interventi significativi in quanto il progetto prevede la modifica ai fori finestra con allineamento rispetto a quelli laterali. Una differente riflessione va fatta relativamente alla facciata ovest dove, al fine della riqualificazione interna degli spazi abitabili ed il ricavo di nuova scala di collegamento fra i vari piani, si prevede una rivisitazione del fronte sia mediante il nuovo corpo sporgente, terminante  con copertura a falda e manto in scandole, sia il riordino della terrazza a primo piano con semplificazione formale ed il ricavo di nuovi piccoli poggioli.
 
Il risanamento conservativo descritto ed allegato alla presente è finalizzata al miglioramento dell’immobile quale prima casa nel rispetto degli standard di confort abitativo energetici e di sicurezza in genere conformi alle normative vigenti.
 

prima dei lavori | vista
progetto | fotoinserimento
progetto | pianta primo piano
lavori | demolizioni
lavori | murature vecchie e nuove